Salta i links e vai al contenuto

A mia zia

Mia zia,
con il passare degli anni è diventata una delle persone più importanti della mia vita.Con lei non solo ho creato un rapporto speciale tanto da considerarla  una mamma.   Condividevamo  tantissime cose in comune. Non so se avrò forza o il coraggio di continuare a descrivere quello che realmente lei era per me, perché quando qualcuno se ne và, il primo grande dolore sono: laceranti nostalgie, le parole mai dette, infinito bisogno di rubare ancora solo un ‘istante alla morte per poter sciorinare tutto ciò che altrimenti resterebbe inascoltato, sospeso nel vuoto dell’addio. Così  è accaduto!  Anch’ io ho parole che non le ho mai detto! Non c’è più dolore per questo e non c’è rabbia di poter dire alla morte fermati. Aspetta un attimo!  Devo ancora dirle qualcosa! Dammi un altro po’ di tempo! La morte non aspetta! Non ha pietà! Così quello che avevo da dire resta  in sospeso  o forse perso.    .Il solo pensare a tutto quello che hai fatto per me  e non solo, strettamente a me,  ma a tantissime persone  , privandosi di tutto ,anche delle più piccole cose pur di vedere sorridere chi secondo lei ne aveva più bisogno, perché mia zia nonostante fosse lei la  bisognosa cercava sempre di aiutare gli altri . Spesso mi diceva: a me basta poco  per essere felice,  non ho bisogno di ricchezze , mi basta vedere gli altri che  stiano bene per stare bene io.  La sua bontà e la sua generosità  l‘hanno resa unica e  speciale. Ricordo ancora quando la  malattia  la  distruggeva poco a poco  e mi diceva “ Io vado avanti, vedo come si sta in paradiso e poi ti chiamo per telefono, comunque credo che si sta bene perché  mai nessuno è tornato indietro a lamentarsi .” sapeva a cosa andasse incontro  ma ciò non le faceva perdere la voglia di vivere , l’ umorismo e la grande fede in Dio,  si beffava della  morte, riusciva a farci sorridere anche nei brutti momenti . Anche quando , non   si reggeva più in piedi  ,  non riusciva ad  alzarsi dal letto  o a muovere le dita delle mani.  Con molta  dignità soffocava i fortissimi dolori pur di non dare dispiaceri, perché  amava la  compagnia .Ricordo le  serate  passate raccontando barzellette o giocando a carte fino a tarda notte, non si sentiva mai stanca . Mia zia   ha combattuto  coraggiosamente la sua malattia fino alla fine s’è  aggrappata alla vita  con tutte le sue forze ma la malattia ha vinto la sua ultima battaglia. Ora siamo qui a ricordare momenti che resteranno chiusi nello scrigno del cuore come un dono prezioso, un dono da custodire e da conservare gelosamente.  So bene che non serve scrivere di lei, del suo sorriso,  non hanno alcun bisogno di carta e penna per restare indelebili, perché vivranno inalterati in tutti noi, finché il sangue scorrerà ancora nelle vene, finché i polmoni si riempiranno d’ aria e gli occhi avranno modo di spaziare sul mondo, lei vivrà nei nostri  battiti del cuore, nei nostri  gesti, nelle  nostre parole e nei  nostri  pensieri .Non dimenticheremo  la grande donna , la Nobile donna  che è stata, l’amore infinito che ha saputo dare a me e a tantissime persone. Non scorderò la sua ultima telefonata , quando mi disse “ Ricordati che Ti voglio bene!”. Anch’io TI VOGLIO BENE!!  te lo ripeto anche ora   che stai andando via in cielo  in quel cielo che ti accoglie con le  vesti  di un Angelo. Non sarà un addio , non sarà la fine di tutto ma un arrivederci in un momento che solo Dio vorrà. Ciao zia  buon viaggio, ti  ameremo per sempre.

L'autore ha scritto 23 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

3 commenti a

A mia zia

  1. 1
    Piccola78 -

    Sì, “ti ameremo per sempre”… Per sempre.

  2. 2
    Piccola78 -

    Ho sempre litigato, col tempo cronologico. È il tempo che simula le separazioni e nonostante la speranza, il dolore era reale. Così seppellisci anche te stesso. Nell’attesa. Diventi un altro. Per riacquistare il tuo te autentico nell’ultimo istante… al confine con quella dimensione che è l’Eternità, dove il tempo è sconfitto insieme alla morte.

    Allora, solo allora, sei al sicuro e puoi tornare ad essere te stesso. Negli addestramenti militari insegnano che sei al sicuro quando sei a casa. Finché non lo sei non puoi dirti tale. E così aspetti e con l’armatura indosso, sai che per sconfiggere il tempo devi solo aspettare facendo altro o essendo… ALTRO.

  3. 3
    Benedetta -

    Io non ti parlo come un’ adulta, io ti parlo come una bambina.

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.